martedì 19 agosto 2014

Elio Rosolino Cassarà. Breve storia di un pittore

Conosco Elio da tanti anni, per questo posso cercare di ricostruire il suo percorso figurativo ed interiore, che in realtà è molto più denso e complesso. La mia è una piccola storia di luce e oscurità, di scoperta e ricerca.

Già a vent'anni Elio si esprimeva con i colori, tinte scure da cui nascevano creature fantastiche, esseri onirici che popolavano un universo parallelo fatto di ombre e bagliori.


Crescendo, la realtà degli oggetti e dei volti diventa predominante. Non più chimere, draghi o fauni, ma utensili illuminati da una luce antica, perduta. Sono i quadri del silenzio, il periodo veneziano di Elio. Il blu, l'azzurro, la sabbia del lido, gli sguardi delle donne amate, liquidi e consapevoli.

Bozzetto per il demone della Vite, 1998

Il bozzetto per il demone della Vite è un ritratto molto potente, gli occhi della ragazza sono come pozzi o gorghi in cui è imprigionata la luce. Doveva essere semplicemente lo studio per un quadro molto più grande in cui la giovane donna si trasformava in una pianta di vite, ma risultò perfetto. 
Lo sguardo del Bozzetto non si riuscì più a riprodurre, quegli occhi erano vivi e scrutavano fin dentro le nostre paure più occulte. 
Fu lei a vincere. 
La copia in grandezza naturale venne abbandonata, il bozzetto sopravvisse. 

 Interno, 1998


Interno appartiene ai quadri di quel periodo; qui il blu e l'azzurro plasmano il corpo e l'ambiente, come il riflesso di Venezia, la città fatta d'acqua. Venezia era entrata nella vita di Elio, come un'ossessione, un continuo richiamo al mare e alla perfezione.

 Autoritratto con maglia bianca, 1999


Il dolore prendeva la forma degli oggetti di tutti i giorni, metallici, freddi involucri di una sostanza evaporata. Rimanevano i corpi, ma l'anima dov'era?
Dov'era la luce così tanto cercata?
Elio stava sperimentando con i colori e con la sua vita.

Stilleben
                                                                                      olio su carta 21x29 2001




 Silenzi. Olio su tela
                                                                              60x80 2000

Silenzi è l'emblema di questo periodo pittorico di Elio. La luce si fa assenza di suono, i corpi sono ombre, tracce di attesa.


Selbstbildnis (profil)

                                                                                                olio su tela 40x60 2000






Dipinse caffettiere alte come un uomo e poi le scompose, come masse da sezionare.









Kaffeemaschine in drei teile zerlegt

                                                                                              olio su tela 60x80 2003



Ci fu un'epoca di transizione, gli anni in cui visse a Bergamo. Gli anni delle nature morte, gli anni del ritratto di Olja.

 Ritratto di Olja, olio e sabbia su tela, 2000

Il ritratto di Olja è la descrizione di un viso che ha visto la guerra; Olja non ci guarda, eppure i suoi occhi sono neri, segnati da qualcosa che non si può narrare. Come tutti i racconti di guerra è realistico eppure va oltre, parla del male e della Storia, del sangue e della terra.


Ritratto ideale di Paula Modersohn-Becker

                                                           olio su carta 50x60 2001 


Il Ritratto ideale di Paula Modersohn-Becker è il riflesso degli studi di Elio di quegli anni: la pittura espressionista e la pittrice tedesca Kathe Kollwitz. Amo molto questo quadro, amo l'espressione dolce e forte di Paula, donna e artista, madre per pochi giorni.





 Memorie dalla stanza rossa. La compositrice,                                                                                                                                                    2004

Nei quadri di Elio è costante il richiamo alla bellezza, all'armonia. Anche i palazzi contemporanei sullo sfondo del quadro Memorie dalla stanza rossa, sembrano seguire una geometria perfetta. Ma non basta l'equilibrio della forma a placare lo sconforto dello sguardo abbassato; Elio dipinge anche i sentimenti attraverso le ombre e le luci rivelate dai colori. 


La fumatrice

                                                                                                            olio su tela 120x100 2004



Ritratto di Elena

                                                                                                               olio su tela 100x100 2003




Le note di Tsabropoulos
                                                                                                      olio su tela 60x80 2003



 Selbstbildnis




Blumen

                                                                                                                       olio su tela 50x50 2002


In Blumen si intuisce il bisogno di essenza, la necessità di astrarre la realtà, di cercare solo più le luci e le ombre delle cose.




Il silenzio col tempo cambiò la sua forma e la sua pronuncia perché un viaggio trasformò internamente Elio: la Germania, Berlino, la nuova patria. 



Berlin olio su tela 50x50 2002

Vacuum

                                                                                                       olio su tela 110x60 2003



Dresden

                                                                                                                     olio su tela 50x60 2003


Studio di figura
                                                                                                     olio su tela 130x60 2005

Elio incominciò a dipingere in tedesco, pensando in tedesco.
 I suoi quadri si fecero più essenziali e più rari. Poche immagini di un mondo rarefatto, sempre più astratto. 




Stilleben

                                                                                                                    olio su tela 50x50 2003


Stilleben è l'evoluzione di Blumen, rimane il segno, evaporati i corpi. Rimane l'essenza, privata della contingenza. 


Paesaggio lombardo

                                                                                                            olio su tela 120x60 2003




 

Isländische Landschaft III, 2011

La Germania e l'Islanda, come nuovi orizzonti da cui partire. 

Oltre al profilo delle cose, oltre al contorno degli occhi e delle labbra nasce una consapevolezza diversa. Le linee orizzontali sono onde, riflessi, ferite.

Da qui parte Elio, in un'esplorazione continua. 

Un viaggio che ancora non è finito.

 XXXI, 2014

Cosa si nasconde in queste opere di Elio Rosolino Cassarà? Ci sono le ombre che lo perseguitavano già da ragazzino, le ombre che dipingeva quando aveva 19 anni, c'è la luce trovata a Venezia, riscoperta in Germania, riplasmata in Islanda. 

 XLIV

Sono paesaggi dell'anima. Deserti luminosi.

 XLVII

Ci sono anche tutti gli sguardi di chi abbiamo amato e di chi se ne è andato. Perché c'è la traccia delle lacrime e dell'assenza. Il cielo, le nuvole e la mancanza delle cose e delle persone. 

Eppure una presenza ancora si sente. C'è qualcosa in questo universo che respira e pulsa. Costante. Un respiro continuo e incessante. 


 XLVIII


Ognuno di noi può vedere qualcosa di diverso in questi quadri perché i colori si sono liberati da tutto, ma è rimasta la trama del tessuto, sono rimasti i segni incisi sulla pelle e sulla tela. 

 XLIX



 XLI



E' rimasto l'orizzonte offuscato dei ricordi e delle nostre paure. Un sentimento del tempo che ci accompagna nel nostro cammino ora incerto, ora affannato, ora esausto, ora appagato. 

 22.15   2015

 23.15    2015


Il silenzio ancora c'è e si è fatto colore. 

27.15 Oil on Canvas 2015


Trapela il rosso, il sangue, come una scoperta improvvisa, un desiderio di vita, inaspettato.

 
                                                                                                                                          28.15     2015

 29.15    2015


La visione è come appannata dalla dimenticanza, eppure s'intravede la casa, il porto sepolto, il ritorno in Sicilia.




29.16 Oil on Canvas
                                                                                                                    50x53 2016







                                                                                                                                                                                                                                        41.16, oil on canvas, 30×30 cm, 2016



Una nuova prospettiva si apre. Una porta, forse. Una profondità celata. Oltre il dolore, oltre le ombre.

lunedì 11 agosto 2014

I ricordi perduti

La città si svuota, si riempiono le spiagge. La città ha corridoi infiniti, pieni di speranze e di voglie represse. I superstiti si aggirano assonnati, forse il sogno che stanno vivendo non gli piace. Vorrebbero svegliarsi e trovarsi diversi.

È un’estate fatta d’acqua. Temporali improvvisi sconvolgono il cielo; le nuvole sono le splendide, crudeli, protagoniste dell'orizzonte e dei nostri giorni.
Non fa che piovere. Le gocce sono i ricordi perduti. I ricordi di chi non c’è più. Scivolano via, sui vetri e sui nostri visi.

Cammino nel silenzio e con me ci siete anche voi, così tanto amati. Non si possono più sentire le vostre voci, ora adirate, ora sciocche, ora annoiate… Ma si sentono i vostri pensieri, liquidi, come fatti di nuvole. Mi mancate. Lo sapete. E l’estate è diventata una terra straniera, parla una lingua nuova, nemica, ostile. Voi sorridete, ma io non posso capirvi. Voi siete luce e tenebra, io sono povera carne.

Mi manca tutto di voi e a volte i vostri sussurri non bastano, ma non importa. Questa quiete finirà, la città tornerà ad agitarsi, il frastuono coprirà i vostri pensosi silenzi. Eppure non passerà questo desiderio, non passerà quest’ossessione. Dove se ne vanno tutte quelle immagini che erano dentro di voi? I volti delle persone amate, il mare, quella pedalata con Fabrizio, l’amico d'infanzia, quella volta in cui tu avevi pianto per lei e lei se ne era andata. Nell'aria danzano migliaia di frammenti di luce, pulviscolo, favole incomplete. Forse diventeranno così i nostri ricordi perduti.